Rafforzare le cure per una ­riabilitazione di qualità

Nel campo della riabilitazione, gli infermieri sono sottoposti a grandi pressioni per adattarsi alle esigenze dei pazienti e per introdurre nella pratica ruoli nuovi e in continua evoluzione.

Testo: Myrta Kohler, Stephan Behr, Claudia Gabriel, Karin Roth

Le cure di riabilitazione sono una professione relativamente giovane che deve adattarsi a un ambiente in continua e rapida evoluzione. Nel contesto svizzero, il tema della definizione e del profilo di competenza di questo settore viene affrontato, ma non ci sono indicazioni chiare al riguardo.

La definizione di cure riabilitative può avere diverse valenze. Da un lato, si cerca di descrivere gli oneri finanziari; dall’altro, è possibile esaminare l’efficacia delle cure riabilitative solo se si conosce in che cosa consistono.

 

Incoraggiare, rendere possibile, aiutare e stimolare

Il ruolo delle cure riabilitative è stato studiato a livello internazionale, soprattutto nel contesto della riabilitazione dei pazienti con ictus cerebrale. Ad esempio, è stato sviluppato un modello orientato alla pratica che si concentra sulla relazione con il paziente e su come questa influenzi tutte le azioni infermieristiche. Il modello descrive come il personale infermieristico debba costantemente adattare i propri interventi alla situazione. Vengono enfatizzate abilità come «supervisionare», «promuovere», «abilitare», «aiutare e stimolare» e «assistere».

Nelle cure riabilitative è quindi molto importante intervenire solo quanto necessario e creare tempo e spazio affinché la persona interessata possa (ri)acquisire le proprie capacità (Kirkevold, 2010; O’Connor, 2000). Le cure riabilitative sono quindi improntate al sostegno e al consapevole approccio basato sullo stimolo verso la partecipazione attiva del paziente. Ciò significa che l’infermiera sceglie, in situazioni mutevoli, il supporto che offre il maggior potenziale di sostegno possibile. La partecipazione attiva e prospettica della persona interessata e della sua famiglia e il raggiungimento o la realizzazione dei suoi obiettivi significativi comportano un’elevata componente educativa e un costante sostegno emotivo nel processo di riabilitazione (Aadal et al., 2013).

 

Leadership e interventi basati sulle cure

Un modello di ruolo sviluppato negli Stati Uniti si concentra sui quattro domini: leadership, interventi basati sulle cure, assistenza interprofessionale e promozione di un futuro proficuo e degno di essere vissuto (Vaughn et al., 2016). Anche uno studio qualitativo condotto in Germania ha dimostrato l’importanza delle cure terapeutiche riabilitative. Questo include capacità di osservazione, percezione e comunicazione. Inoltre, le conoscenze specialistiche sono state considerate un elemento essenziale per poter osservare in modo mirato, stabilire obiettivi di trattamento adeguati e ricavarne interventi appropriati (Lautenschläger, 2015).

Anche in Svizzera si sta cercando di descrivere e definire le cure riabilitative. In uno studio Delphi condotto da Suter-Riederer et al. (2018), è emerso che l’orientamento coerente verso le esigenze dei pazienti e delle loro famiglie è stato giudicato un elemento molto importante nelle cure riabilitative. Inoltre, il personale infermieristico addetto alla riabilitazione vede come proprio compito quello di rappresentare il punto di vista del paziente all’interno del team interdisciplinare.

 

Le cure nel processo multidimensionale

In sintesi, si può affermare che il personale infermieristico è un elemento centrale della riabilitazione. È coinvolto in tutti gli aspetti del processo di riabilitazione multidimensionale. Una delle caratteristiche più importanti delle infermiere e degli infermieri è che sono il gruppo professionale in grado di costruire un rapporto più profondo con i pazienti e le loro famiglie. Questo dà loro una visione più ampia della situazione personale, ma anche del contesto generale, che è molto importante per il processo di riabilitazione. È quindi essenziale rafforzare le cure infermieristiche in questo settore per poter garantire una riabilitazione di alta qualità (Gutenbrunner et al., 2022).

 

Progetto per la promozione della diversità dei ruoli

Un aspetto importante del rafforzamento delle cure riabilitative è la promozione di ruoli specifici e la loro divulgazione. Ciò affinché tali modelli di ruolo possano essere utilizzati come fonte di ispirazione ed esempio o possano essere visti come base per lo sviluppo dei propri ruoli. Per questo motivo, il gruppo di interesse per le cure riabilitative (Interessensgemeinschaft für Rehabilitationspflege), insieme alla Società accademica per le cure riabilitative (Akademische Fachgesellschaft für Rehabilitationspflege), ha prodotto un opuscolo sulla diversità di ruolo in questo settore. (pagina 73).

 

Insegnare e promuovere il «pensiero riabilitativo»

Per essere in grado di affrontare le sfide future delle cure riabilitative, riteniamo che debbano essere affrontati diversi punti. In linea di principio, è importante che i temi e i concetti della riabilitazione siano insegnati in modo coerente nella formazione di base, perché solo in questo modo il «pensiero riabilitativo» può avere un’influenza sull’interazione infermieristica fin dalle prime fasi. A questo proposito, riteniamo che le cure riabilitative siano un aspetto importante dell’assistenza infermieristica in tutti i contesti. È importante che le esigenze delle persone colpite e delle loro famiglie siano al centro e che gli interventi infermieristici si concentrino sull’ efficienza nella vita quotidiana.

Inoltre, è importante sviluppare ulteriormente l’assistenza riabilitativa - specificamente legata a un setting, come la descrizione del ruolo dell’infermiere nella riabilitazione oncologica (Mayrhofer et al., 2021), o anche attraverso progetti di ricerca e sviluppo che analizzano specifici interventi riabilitativi infermieristici, come è stato fatto da

Imhof et al. (2015) nell’ ambito del loro studio sull’intervento infermieristico per favorire la mobilità. Dobbiamo anche continuare ad affrontare la questione del contenuto delle cure riabilitative, tra l’altro per giustificare e garantire il loro finanziamento.

La crescente multimorbilità delle persone colpite pone il personale infermieristico di fronte alla sfida di non essere solo esperto di cure riabilitative, ma anche di malattie che svolgono un ruolo importante nel processo di riabilitazione. Ad esempio, l’infermiera esperta supporta anche la salute mentale, come nel caso della riabilitazione di pazienti con paralisi spinale, se oltre alla paralisi spinale hanno anche malattie mentali preesistenti o diagnosticate di recente.

 

Skills and Grades per cure ottimali

La riflessione costante sulle competenze e i gradi è un altro tema che ci preoccupa nel campo delle cure riabilitative. Nel contesto della carenza di personale qualificato e delle fluttuazioni del personale, è ancora più importante promuovere la qualità delle cure e cercare soluzioni individuali per poter offrire cure ottimali. Nella discussione sui ruoli allargati, riteniamo che sia essenziale che le competenze del personale curante corrispondano al rispettivo ruolo e che si debbano fare dei compromessi in termini di grado per diverse ragioni. Ad esempio, ci sono infermieri della riabilitazione che hanno competenze eccellenti grazie alla loro lunga esperienza, senza aver mai ottenuto un grado supplementare. Anche queste persone sono un tassello importante per la cura ottimale dei pazienti.

Presentando la varietà di ruoli nelle cure riabilitative, vorremmo dimostrare che la riabilitazione offre molte interessanti opportunità di sviluppo. Inoltre, i ruoli dovrebbero essere visti come modelli e ispirazione per sviluppare i propri ruoli in base alle esigenze.

 

Autori

Myrta Kohler, Prof., Dr., MScN, RN: Co-presidente della Società accademica per cure riabilitative, direttrice dello sviluppo e della ricerca infermieristica presso le cliniche Valens, direttrice del centro di competenza ­Riabilitazione & Promozione della salute presso la Scuola ­universitaria professionale della Svizzera orientale.

Stephan Behr, MScN, RN: Co-presidente della Società accademica per cure riabilitative, esperto in cure infermieristiche, REHAB Basilea

Claudia Gabriel, MScN, RN: Co-presidente della comunità di interessi per le cure riabilitative, esperta in cure  infermieristiche APN Neuro Nurse, Ospedale cantonale di Lucerna

Karin Roth, MPH, RN: membro del comitato direttivo IGRP, team leader del corso XUND, Master of Public Health, infermiera SSS con 20 anni di esperienza professionale nelle cure riabilitative.

krankenpflege bild

Questo focus è apparso nel numero 01/2023 di Cure infermieristiche, la rivista professionale dell'ASI.

La rivista infermieristica trilingue viene pubblicata 11 volte all'anno. I membri dell'ASI lo ricevono gratuitamente. Altre parti interessate possono abbonarsi alla rivista. L'abbonamento annuale costa 99 franchi.

Abbonati ora

18 infermiere in cure riabilitative

La Comunità di interessi per le cure riabilitative (CICR) e la Società accademica per le cure riabilitative (SACR) dell’Associazione svizzera per le scienze infermieristiche (ASPI) hanno pubblicato un opuscolo sulla diversità dei ruoli nelle cure riabilitative. Sono state condotte interviste presso 18 infermiere e infermieri con ruoli diversi in questo settore, in diversi contesti di cura. Tra questi c’è Ursula Blätter, infermiera presso la clinica di riabilitazione Adelheid nel canton Zurigo.

È interessante sapere come si sono sviluppati nella pratica questi diversi ruoli e come sono stati definiti i loro contenuti. Inoltre, sono stati evidenziati i punti di forza descritti dagli intervistati, l’utilità di questi professionisti per la pratica, ma anche la loro stessa percezione delle cure riabilitative. A causa delle restrizioni dovute alla pandemia, le interviste sono state condotte online o per telefono.

Per alcuni ruoli è stata presentata una seconda prospettiva. Si tratta di una persona che fa una dichiarazione sul ruolo in questione, ad esempio un collega del team o un medico. Gli esempi di ruoli presentati nel grafico a pagina 74 corrispondono a diversi livelli di formazione in cure infermieristiche, dal livello di scuola superiore (SSS) ai diplomi universitari di bachelor, master e dottorato.

L’opuscolo sulla diversità dei ruoli nelle cure riabilitative è disponibile in tedesco («Rollenvielfalt in der ­Rehabilitationspflege», scaricabile da: https://bit.ly/3Ubf90v). Le interviste sono state condotte da Mechtild Willi Studer, un’infermiera con un master in sviluppo organizzativo.

«Cogliere l’unicità e suscitare curiosità»

Nel processo di riabilitazione, il supporto e il follow-up specifico dei pazienti sono essenziali, spiega Ursula Blättler, che offre consulenza infermieristica in oncologia.

Come imposta il suo ruolo?
Ursula Blättler: I pazienti oncologici si rivolgono alla nostra ­clinica dopo un intervento chirurgico o una terapia. Per prima cosa effettuo la diagnosi e l’anamnesi e poi affronto subito la questione della riabilitazione. Ogni paziente è unico, anche se la diagnosi è la stessa. Mi prendo il tempo necessario per ascoltare la loro storia di vita e rispondere a tutte le loro domande. In riabilitazione, abbiamo il tempo di soffermarci sulle conseguenze della malattia. Mi avvalgo delle cure incentrate sulla famiglia. 

Cosa succede durante le consultazioni?
Il supporto e il follow-up vengono discussi in dettaglio durante la consultazione. I pazienti possono pormi le loro domande e ­richiedere chiarimenti su questioni per loro importanti.

Tutti i pazienti ne beneficiano?
Finora solo un paziente non ha voluto usufruire di questa ­consulenza. Ha deciso di gestire la sua situazione da solo, ­informandosi. Naturalmente, si tratta di una strategia che ­rispettiamo pienamente. 

Quali sono le priorità nel suo lavoro?
Chiaramente le persone interessate. Sono i principali beneficiari del nostro intervento. E i nostri colleghi che lavorano nelle cure. Sono desiderosi di imparare e sono sempre disposti ad acquisire nuove conoscenze utili per il loro lavoro. 

Qual è il suo atteggiamento nei confronti dei pazienti e di ciò che accade loro?
Accompagno i pazienti per un breve ­periodo di tempo e so come prendere le distanze. Mi sono resa conto che la malattia, ad esempio il cancro, non ha nulla a che fare con qualsiasi nozione di giustizia, ma probabilmente fa semplicemente parte della vita. Può capitare a chiunque di ammalarsi gravemente. 

A cosa serve la riabilitazione?
La riabilitazione offre al paziente un follow-up specifico dopo la degenza in ospedale.
Lo prepariamo per il suo ritorno a casa. Questo comporta un supporto fisico
e psicologico, che gli consentirà di tornare a casa nelle migliori condizioni possibili, possibilmente con un aiuto e un’assistenza a domicilio. Basiamo il nostro lavoro sul modello bio-psico-sociale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Questo modello è molto utile per il nostro lavoro e viene compreso e applicato da tutto il team. Il sostegno psicologico al paziente e la sua motivazione personale sono valori essenziali nella riabilitazione.

Quali sono i benefici della riabilitazione per la pratica delle cure?
Attualmente ne sto valutando l’utilità nell’ambito di un progetto pilota che sto portando avanti come parte della mia tesi di Master. Mi interessa la trasmissione delle conoscenze ai curanti attraverso skill-training. A questo scopo ho sviluppato una guida.

Ci parli delle prospettive nel suo ­settore.
La necessità di riabilitazione per i pazienti oncologici aumenterà sicura­mente in ambito ospedaliero. Il finanziamento delle prestazioni di consulenza infermieristica non è del tutto chiarito. Mi piacerebbe disporre di una rete esterna di specialisti in cui poter partecipare a progetti di ricerca. E internamente stiamo anche ­valutando la possibilità di creare una rete, ad esempio con psicologi, specialisti delle ferite, ­stomatologi e medici oncologi – siamo solo all’inizio.

Intervista: Mechtild Willi Studer

INFERMIERA IN CURE RIABILITATIVE
Ursula Blätter
Luogo di lavoro: Clinica Adelheid a Unterägeri (ZH).
Posizione lavorativa: infermiera BSc, esperta in cure ­oncologiche, MAS in cure oncologiche in formazione.
Creazione del ruolo/posizione: da gennaio 2021.
Progetto pilota: due ore di consulenza infermieristica ­oncologica alla settimana.
Origine del progetto: quando la Swiss Reha ha riconosciuto
la riabilitazione medica oncologica internistica; i criteri di prestazione e qualità hanno dato l’impulso per il suo sviluppo.

LOGIN Adesione